senza categoria

A tu per tu con Alessandri

A tu per tu con Alessandra era una rubrica sul mio giornalino quando andavo alla medie (Alessandra Graziottin era una psicologa): io invece la discussione della tesi l’ho fatta A tu per tu con Alessandri, il professore di diritto penale dell’università Bocconi. Pur non avendo mai studiato diritto penale, sono stato infatti giudicato da una corte penale! Il verdetto è stato comunque positivo: 110 e lode!

Da un lato, in questa tesi si confronta la teoria della collusione con i casi empirici, dall’altro si confrontano tali casi fra di loro per evidenziare le differenze fra l’antitrust italiano, europeo e statunitense. Il settore farmaceutico, nonostante a prima vista non sembri incline a gravi rischi per la concorrenza, a una migliore analisi invece presta il fianco al fatto che per ogni gruppo terapeutico il mercato è completamente diverso e isolato da tutti gli altri, come non è per esempio invece nel settore dell’intrattenimento perché uno può anche comprare un libro perché ha visto il film o viceversa. Nel caso IMS Health per esempio si osservava come nel settore farmaceutico rivesta una grande importanza il marketing, perché è un settore ad alta intensità di conoscenza. La struttura di segmentazione del mercato era un diritto di proprietà intellettuale e come tale poteva essere usato per impedire la concorrenza nel mercato delle analisi statistiche sulle vendite, con la necessità di trovare un compromesso fra concorrenza e titolarità di copyright. L’Unione Europea pur essendo ideologicamente più orientata alla regolamentazione delle autorità statunitensi ha anche meno mezzi per compiere le investigazioni, e generalmente agisce solo sui cartelli globali quando già sono stati scoperti negli Stati Uniti. La scoperta di un cartello determina a catena tutta una serie di confessioni delle imprese coinvolte con l’allargamento a macchia d’olio delle indagini ad altri cartelli prima sconosciuti. A volte quello delle autorità antitrust è un vero e proprio accanimento sempre nei confronti delle stesse imprese, che, già impopolari a causa delle precedenti condanne penali, sono più facile bersaglio di ulteriori accuse.