I dolori del giovane milanese

Mi sono rotto.
Come media giornaliera ho perlomeno 4 questuanti per ogni tragitto casa-Politecnico.
E ci vogliono solo 20-30 minuti!

E invece mi tocca

  • il questuante sul marciapiede che mi occupa 3/4 del marciapiede e rischia di farmi cadere
  • vedere gli zingari al semaforo fare i vu’ lava’ (per i non milanesi pulire – senza che il proprietario lo voglia – il parabrezza alla macchina che si ferma al semaforo per poter pretendere soldi in cambio di questo servizio)
  • il questuante (con o senza bambino urlante) in metropolitana, oppure il fisarmonicista pazzo (e incapace), oppure il violinista, oppure..
  • Il questuante alla stazione di Piola, fuori dalle scale.
  • Le bancarelle abusive.
  • I vu’ cumprà che ti vendono un giornale che non ti interessa per la modica cifra di 2 euro minimo (se glie ne dai meno ti guardano con la faccia schifata e sono buoni a non ridartele, ma si vede che fanno uno sforzo sovrumano)
  • Quelli che ti vogliono vendere "Lotta comunista", a 345 euro. Nota poi come siano pure pirla, perchè se guardassero bene vedrebbero che sotto braccio ho il Foglio..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *