comunicazioni di servizio

Salve. Sono la donna delle pulizie ("…e mi piaceva -appunto- spolverare fare i letti poi restarmene in disparte come vera principessa, prigioniera del suo film che aspetta all’angolo come Marlene"). In pratica quella che riordina, passa un cencio qua e là  e si premura di annaffiare le piante mentre il padrone di casa tenta di fare vacanza stravaccato sulla spiaggina dell’ ipocondria estiva. La sua malattia clinica non giustificabile pare essere una sorta di svogliatezza che lo sta via via privando della sua nobile cattiveria creativa. Tzé. Mica mi è chiaro se son qui per farlo arrabbiare. Molto probabilmente non ha capito chi sono. O magari si è solo bevuto il cervello (ricco di vitamine filamentose e addolcito con guaine mieliniche).

Quante parole.

Metto su il caffé.