pensieri sensazioni vita

Mamma drogata

Vedere mia mamma uscire dal day hospital sotto l’effetto dell’anestesia, tutta imbacuccata e col sorrisino da ebete che fa ciao ciao con la manina e che poi inizia a parlare esclusivamente in dialetto e a ripetere ciclicamente le stesse 4 frasi:

la flebo la va no (la flebo non va) con la variante a sa fermà la flebo (la flebo si è fermata),
a go frech (ho freddo),
te mangià? (hai mangiato?),
cul dutur là la cugnesi gia, so no ‘ndua l’ho vist (quel dottore lo conosco già, non so dove l’ho visto).

Ne è valsa proprio la pena passare 6 ore in ospedale in attesa che finisse il day hospital.