Non ci credevo, alla polvere

quando mi dicevano che l’abitudine è la causa dei peggiori casini sulla terra.
Non ci credevo perchè pensavo fosse un’esagerazione. Ma quando attraverso il velo dell’abitudine dai le cose per scontate e vedi solo ciò che non va, e non ti ricordi cosa va, ti sembra che le cose dietro a quel velo scompaiano. E ti rendi conto che ci sono solo quando le vedi andare via.
E ti chiedi come sia stato possibile non vedere e non comprendi la potenza della polvere che si deposita sulle cose, e sopratutto sugli OCCHI.
E solo all’ultimo capisci quello che già sapevi, e cioè che la polvere scende su tutto egualmente, che non c’è nessun posto che ne è esente per magia, e che è tuo compito pulire ciò che hai e non aspettare che si pulisca da solo.

Un pensiero su “Non ci credevo, alla polvere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *