pensieri sensazioni vita

IL PICCOLO PRINCIPE…

"..che cosa vuol dire addomesticare?"
"Vuol dire…creare dei legami"
"Creare dei legami?"
"Certo..tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo." (..) "Per favore..addomesticami"
"Che bisogna fare?"
"Bisogna essere molto pazienti. In principio tu ti sederai un po’ lontano da me, così, nell’erba. Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino…Se tu vieni per esempio alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell’ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi ed inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore..Ci vogliono i riti."
Così il piccolo principe addomesticò la volpe. E quando l’ora della partenza fu vicina…
"Ah piangerò…"
"E’ colpa tua…io non ti volevo far male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi" (..) "Addio"
"Addio..ecco il mio segreto: non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi" "E’ il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante" "Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa.."

Trovo sempre una grossa parte di me nei libri…