comunicazioni di servizio pensieri sensazioni vita

Un giorno di consueta ordinaria follia

Ebbene eccomi qui, alla mia prima prova del fuoco, in attesa di vedere quali prove mi attendono per la conferma per il posto a tempo indeterminato su queste pagine… Sarà mai che mi aspettano altri 18 mesi in prova dopo quelli trascorsi per avere un posto di lavoro fisso?

Al momento sono più che contento di aver superato indenne la giornata senza uscire di testa… Ricordate quel vecchio film con Michael Douglas nei panni di un uomo qualunque che nel bel mezzo di una giornata qualsiasi si ribella (con qualche eccesso qua e là) alle situazioni al limite del sopportabile che gli piovono addosso? Beh, se continua così tra un po’ esplodo anche io…

Si comincia con gente che pensa che il tuo lavoro consista nello schiacciare un bottoncino e… "Etvoilà! Ecco fatto il lavoro": ma in fondo si sa, tutto è relativo, anche il tempo che ti serve per fare il lavoro di 3 persone. Aggiungiamo il mio unico sottoposto in ufficio (poverino) che oggi sembra non capire un cavolo di quello che dico, continuiamo con la spasimante che sembra divertirsi a tenermi fra "coloro che son sospesi" ed infine completate con il viaggio in metropolitana nel grande capolouogo lombardo: passeggeri che salgono sul treno come se fosse un arrembaggio (ma si schiaccia pure il vicino e mettigli la tua ascella sotto il naso, tanto…), passeggeri che aprono i finestrini sui treni con l’aria condizionata quando funziona (così condizioniamo anche la galleria, no?), autisti che non accendono l’aria condizionata sui treni in cui i finestrini sono sigillati (un giorno li picchieranno) ed ancora autisti che vi chiudono la porta del tram in faccia e se ne vanno senza riaprirvi (ogni giorno si beccano un insulto)…

Ma niente paura, anche oggi la giornata non è diventata ordinaria follia come quella del film di cui sopra (che vi consiglio di vedere se volete ingannare il tempo: antieroico, grottesco a tratti e piuttosto cinico) . Adesso un po’ di meditazione jedi e sono pronto ad affrontare il domani…