stranezze vita

Disconnessioni della realtà

Ogni tanto mi accorgo di alcuni indizi che la mia psiche mi lascia per capire che forse sto esagerando con i videogiochi… In particolare indizi che suggeriscono un principio di perdita di contatto con la realtà:

– qualche anno fa mentre ero impegnato a giocare a "Condemned: Criminal Origins" mi trovavo nel mezzanino di una stazione della metropolitana linea 2 di Milano. Dietro un angolo c’è un breve corridoio e la scala che dà accesso alla superficie, sulla parete opposta mi sembra di scorgere l’ombra di qualcuno forse appostato dietro l’angolo per aggredire chi sale la scala. Mi guardo in giro in cerca di un oggetto contundente per difendermi, poi mi accorgo che (i) "l’ombra" è un ritocco al muro fatto con una vernice più scura e con una sagoma che ricorda vagamente quella proiettata dall’ombra di una persona; e (ii) non sono davanti al monitor.

– qualche mese fa mentre giocavo intensamente il multiplayer di Gears Of War 2 ed ero in giro con mia madre per Milano sento una specie di tintinnio e la mia reazione immediata è stata di dire qualcosa tipo "Granata! Via!" oltre ad aver avuto l’impulso di lanciarmi a terra da qualche parte. Poi ho capito che il tintinnio era il campanello di una bicicletta suonata con lo stesso ritmo del tipico suono che in GOW2 viene emesso dalle granate esplosive innescate…

– stasera, mentre mi sto dedicando alla campagna di Halo3: ODST, sono a bordo di un treno della metropolitana e sento un rumore "elettronico" ed inizio a guardarmi intorno pensando dove si trovi il terminale di New Mombasa che emette questo suono. In realtà era un effetto sonoro dello smartphone di una tizia poco lontano da me…

Disconnessione con la realtà decisamente in corso…