pensieri sensazioni vita

Giornate che “non funzionano”

Vi capitano mai quelle giornate in cui vi capita tutta una serie di piccoli inconvenienti spiacevoli, di quelli che presi uno ad uno non sono niente di tragico, ma sommati tra loro vi mettono di malumore?

La giornata è cominciata male quando qualche genio ha fatto scattare un antifurto con una sirena che avrebbe svegliato i morti in piena notte. Grazie al cielo la tortura è stata breve, ma da lì in poi ho dormito un sonno un po’ agitato. Poi solite rotture con i mezzi pubblici, inutile dilungarsi in esempi. Non contento mi sono portato iella da solo andando a pensare: "Forse non devo entrare in ufficio a quest’ora, potrei incontrare…" e infatti, puntuale come un’irritazione cutanea dopo il contatto con un’ortica, mi sono trovato davanti esattamente le due persone che non volevo vedere.

Il culmine quando la radio che ascoltano nell’ufficio accanto al mio ha iniziato a trasmettere per tutta la mattina una serie di canzoni che mi hanno ricordato di una storia con una ragazza conclusasi male. Che cavolo, di solito me ne frego di questo genere di cose, ma tutti gli altri eventi mi avevano decisamente reso più sensibile del solito…