Cioe’

La settimana scorsa ero in treno, la ragazza dietro il mio schienale parlava con l’amica davanti a lei. Avrà detto "cioè" 12 volte nel giro di 5 minuti. Ho cominciato ad innervosirmi e per evitare di spaccarle la faccia ho cercato – con successo perfortuna – di immergermi nella lettura di Aldous Huxley.

6 pensieri su “Cioe’

  1. Mammamia che odio generano in me queste ragazzine d’oggi…non sanno formare una frase di senso compiuto senza irritarti o farti cadere le braghe..-.-

  2. "no ma cioe’ l’ho visto e ho pensato che poteva anche essere una cosa mia mentale, cioe’ non so se hai presente quando pensi una cosa e poi scopri che è tutto diverso cioe’…"

    AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAGGGGGGGGGGGGGHHHHHHHHHHHHHRGRGRGR

  3. Terribile… la cosa più terribile è fermarsi e chiedersi: "Ma anche io parlo così? Uso anche io cioé in continuazione?". Il fatto che mi dia fastidio quando lo sento usare a profusione dagli altri mi fa pensare che io non ne abuso, ma l’ansia c’è sempre… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *