Concorrenza sleale metropolitana

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

I legislatori di diversi Paesi si sono dati un bel da fare per creare norme ad hoc volte alla tutela del mercato nazionale e internazionale, sanzionando, tra le altre cose la concorrenza e la competizione sleale.

Chissà se, al momento di stilare le loro normative, hanno preso in considerazione anche la concorrenza che ci può essere tra mendicanti sulla metropolitana..

Mi è successo stamattina. Ero in metropolitana e mi è toccato assistere a una scena tra il comico e il grottesco.

Alla fermata sale il solito mendicante con chitarra. Tra l’altro è uno dei pochi che sa suonare in modo decente (si, ormai li conosco tutti quanti uno a uno. Rispettive abilità e repertori compresi.). Si piazza sul fondo della metropolitana e si appresta a suonare. Mentre si stanno per chiudere le porte si imbuca un altro mendicante. Lui non ha nessuna chitarra, nessuna fisarmonica e nessun microfono. Ha solo un bicchiere del Mc Donald e gira zoppicante tra la folla a chiedere le elemosina.

Ebbene. Avete presente due gatti che stanno l’uno di fronte all’altro guardandosi in cagnesco mentre decidono chi per primo debba balzare all’attacco?

Ecco. Uguale uguale. Peggio delle prostitute che sulla strada si prendono a borsettaie se qualcun’altra frega loro il posto. Uno sguardo d’odio e di sfida durato almeno  un minuto intero.  Uno di fronte all’altro senza dirsi manco una parola se non lanciandosi messaggi di morte con gli occhi.

Poi il chitarrista, forte della sua arte decide di iniziare a suonare. In fondo era lui quello entrato per primo e aveva pur sempre la precedenza sull’altro.

Ed è lì che l’altro ha un colpo di genio. Sfruttando l’allegro siparietto regalato dal chitarrista, inizia a girare col bicchiere del Mc Donald tra i passeggeri seduti tentando di sfruttare l’altro che poverello tentava perlomeno di fare qualcosa per averli, ‘sti soldi.

Non l’avesse mai fatto. Il chitarrista interrompe sul più bello (?) la sua performance e alla prima fermata scende urlando qualche insulto in non so quale lingua rinunciando a rallegrare il nostro vagone con la sua musica.

Chissà in questo caso cosa avrebbe sentenziato la Corte Costituzionale..

Di certo è per lo meno intervenuta la giustizia divina che ha lasciato tutti e due a bocca asciutta. Il primo perché non ha nemmeno avuto modo di provare ad intascarsi qualcosa, il secondo perché, volendo fare tanto il furbo alla fine è stato guardato male da tutti quanti. Anche dai vecchini dal cuore d’oro che solitamente si fanno intenerire da chiunque.

2 pensieri su “Concorrenza sleale metropolitana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *