Libri: Psicologia delle folle

Interessante libro che sicuramente è d’aiuto nella comprensione delle dinamiche del comportamento delle folle. E’ datato ed opinabile in alcuni punti, profetico in altri, noioso in altri ancora. Il principale difetto è che l’approccio pedagogico/didascalico trascende fino alla eccessiva ripetizione. Colpisce quanto cose così semplici vengano semplicemente ignorate dal pubblico (o, al contrario, gli vengono ben coscientemente taciute?). In ogni caso natura non facit saltus e di conseguenza nelle folle moderne c’è molto, anzi moltissimo delle folle della metà del 1800. Particolarmente acute e meritevoli di nota le osservazioni riguardanti la necessità intrinseca di una folla (come di un singolo essere umano) di un punto di riferimento a cui credere, anche negando l’evidenza e deificando il proprio idolo piuttosto che mettere in dubbio la sua perfezione. Una necessità che prima era riassunta dalle religioni e che adesso si è parcellizzata trasformando la tradizionale divinità unica in mille idoli pagani: la tecnologia, Steve Jobs, il capo di un partito. Ma tutto cambia per poi non cambiare davvero, e le logiche rimangono le stesse. E le stesse rimangono anche le speranze che la massa si elevi dall’ignoranza e dalla stoltezza, dalla facile ira e dalla facile ingiustizia: nessuna.

Libro recensitola mia libreria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *