commenti opinioni videogames

Games: Auditorium

Premessa (MA NON FERMATEVI ALLA PREMESSA!): non sono stato mai un estimatore dei casual games. Li ho sempre trovati stupidi e, fondamentalmente, una perdita di tempo. Anche perchè li ho associati ai giochini in flash (di Facebook e non), che infatti aborro.
Poi però con i saldi di Steam ho provato Osmos. E mi si è aperto un mondo di giochi indie casual, fatti davvero bene. Ho riconosciuto l’originalità e la qualità del prodotto. Ho riconosciuto che mi ero chiuso senza motivo e che il gioco valeva i suoi soldi. “Ma questo cosa c’entra con Auditorium?”, chiederete voi.
C’entra, perchè Auditorium è un altro giochillo che merita. E’ senza tutorial ma è così immediato che non ce n’è bisogno. Il concept è peculiare: il gioco consiste nel guidare un flusso di particelle (immaginatevi un fiume da arginare e indirizzare dove volete voi). Per farlo dovrete usare dei “poli” (è l’unico nome che mi è venuto in mente per quelle cose): l’aspetto è quello dei pomelli del flipper, l’effetto è simil-magnetico. Se il flusso finirà nella vicinanze del vostro polo, verrà indirizzato nella direzione che indica la freccia sopra al polo. E’ anche possibile (non vi dico come, vederlo è più facile) regolare la “potenza” del polo. Attenzione però, questo lo renderà sia più potente che più impreciso. Il flusso va indirizzato verso griglie in tutto simili a quelle presenti negli stereo, ed infatti questo flusso di particelle non è altro che musica. Se arriverà abbastanza musica ad ogni griglia, si sentiranno tutti i componenti della melodia assieme, ed il livello sarà battuto. I primi livelli sono facilissimi, poi c’è una graduale (e veloce) crescita di difficoltà.
Dal punto di vista del gameplay posso dire che risolvere un puzzle musicale è una bella esperienza, impegnativa e riposante assieme. Paragonabile a Osmos (che consiglio caldamente) anche se un pò più complicato. Non per niente è la stessa atmosfera nebulosa/acquosa, ovattata e rassicurante. Ottima, peraltro, la delicata musica rappresentata dal flusso. Questi sono giochi da chillout, quando hai spaccato teste fino a 30 secondi prima e non ti senti in vena di andare a dormire ma sai che appena l’adrenalina non sarà più in circolo la botta di sonno sarà come essere schiacciato da un tir con rimorchio. Prima di andare a dormire rendono il massimo. 6 euro è forse un pò troppo come prezzo, ma sicuramente non sarete marcioni come me che ho aspettato i saldi estivi di Steam, e lo comprerete lo stesso. Quindi, buon gioco e buon relax!