Free Games: Trackmania Nations Forever

Premettendo che non sono un patito di giochi di corsa, pur nella mia ignoranza del genere sono riuscito ad apprezzare questo gioco. Non è una simulazione accurata nè tantomeno un gioco difficile da gestire. E’, a mio parere, un prodotto perfettamente bilanciato fra difficoltà e divertimento.

Partiamo dal comparto grafico: niente di entusiasmante ma il gioco ha ormai una certa età. E diciamocelo, a che serve il particolare se deve tutto scorrere via veloce come il vento sugli spoiler della nostra macchina da corsa? La grafica c’è e fa il suo dovere, questo è quello che davvero conta. Carina la possibilità di abilitare la versione 3D vecchio stile compatibile con gli occhiali con le lenti rossa e blu.

Il gameplay è immediato, intuitivo ed immediatamente gratificante. Il livello di sfida è ben bilanciato e progressivo. Le mappe sono affrontabili anche in modalità giocatore singolo con un utile approccio a livello di difficoltà. Sulle mappe ci possono solo essere parole di apprezzamento: sono tante e molto varie per lunghezza, modalità di gioco (a giri o meno), livello di acrobazia o precisione richieste. Inoltre poter provare le mappe in modalità giocatore singolo permette di fare pratica, ricordarsi esattamente il tracciato e provare ad affrontare in modi diversi la maledetta curva che ti frega sempre. A rendere ancora più appetibile la modalità giocatore singolo è la presenza di medaglie (bronzo, argento ed oro) in base al tempo di completamento del livello. Utili e carine le macchine “fantasma” che ti mostrano il tuo giro precedente e quello corrispondente alla medaglia che hai deciso di battere. Non so, ma dubito che la fisica sia perfettamente rispettata. In ogni caso ricordo che questo non è un gioco di simulazione di corse e che quindi la “licenza poetica” è più che giustificata.

La manovrabilità è buona, ti permette di non frustrarti immediatamente ma dopo qualche giro capisci da solo che l’orientamento della macchina prima di un salto o il punto preciso dove prendere la curva sono dettagli importanti e che fanno decisamente la differenza. Questo per me è un segnale molto importante perchè dimostra come sia possibile creare un gioco in cui i neofiti o i casual gamers non vengano scoraggiati da meccaniche complessse o difficoltà insormontabili, ma allo stesso tempo si dia la possibilità agli hardcore gamers ed a chi vuole eccellere di perfezionarsi fino a prendere la curva esattamente come vuole.

Assieme al gioco (gratuito) c’è un editor di mappe ed il gioco è aperto al modding ed ai contributi della comunità. E’ nato e persiste un intero mondo di servers, mods, tornei, video e piste che è interessante e vale la pena esplorare.

L’ audio è più che adatto, la colonna sonora di sottofondo riesce a trasmettere l’urgenza e l’eccitazione della gara senza fare da ansiolitico, ed allo stesso tempo non è così fiacca da addormentare.

I settaggi sono vari e approfonditi senza essere eccessivamente particolareggiati, e permettono di modificare sostanzialmente l’esperienza di gioco sia sotto l’aspetto grafico e dei requisiti tecnici (buona scalabilità) sia per quanto riguarda il gameplay.

Il mio consiglio? Decisamente giocatelo, ne vale la pena.

Le mie recensioni sulla Steamcommunity

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *