Dopo l’enorme eco in numerosi media della protesta del popolo dei videogiocatori sulle loot boxes la situazione di Electronic Arts, particolarmente riguardo alla pietra dello scandalo Star Wars Battlefront 2, è stata particolarmente precaria.

Rinfranca (ed è una consapevolmente magra consolazione) che il publisher noto per la sua totale assenza di sensibilità del contesto abbia finalmente fatto l’unica cosa che poteva fare: abbandonare totalmente le pratiche precedenti e lasciare le microtransazioni al puro livello cosmetico del gioco.

Sarà solo una toppa ad una situazione disperata o un’occasione di cambiamento in meglio delle policy aziendali? Lo vedremo.